1.14 1701-1750 Cervello e Chirurgia Cranica / Medicine, Brain and Cranial Surgery.

1705. FANTONI GIOVANNI (1675-1758)

Fantoni G iovanni, nacque a Torino nel 1675 e morì nella citta narale nel 1758. Si laureà a Torino e nel 1697 ebbe una cattedra di anatomia. Medico personale di Carlo Emanuele di Savoia dal 171 7, ebbe,
nel 1720, la carredra universiraria di medicina e fu nominato, pochi anni dopo, Preside della Facoltà. La sua opera piu celebre e il De structura et motu durae membranae cerebri (Strurrura e movimento della dura madre del cervello), pubblicata a Torino nel 1705. Meritano, tuttavia, di essere ricordati anche la Anatomia corporis humani (Anatomia del corpo umano), del 1711, e, in particolare, lo scritto dedicato, nel 1747, alla Epidemia di febbre miliare.

Estratto da Storia della medicina, Armocida G., Bicheno E., Fox B., Jaka Book, 1993.

Giovanni figlio di Giovanni Battista Fantoni de signori di Cerreto e Quaregna. Dedicatosi alla scienza professata dal padre, fu anch’egli dottor di collegio all’età di 19 anni, lettore di anatomia a 23, ed essendo ne’ 22, era già salito in fama di scrittore di opere stimate. Fu medico e consigliere del Principe poi Re Carlo Emanuele III, e nel 1720 creato professore primario di medicina pratica: nel 1729 Riformatore della R. Università, col titolo d Preside della facoltà medica. Morì in Torino nel 1758 in età d’anni 83. Le sue opere sono le seguenti: Disputationes anatomicae, Taurini, 1701. Anatomia corporis humani, etc, Taurini, 1711. Opuscula medica et phisiologica, etc, Genevae, 1738. De structura et motu durae matris, Romae, 1721, forse 42. Nel 1714 fu dedicata al Fantoni una pregiata e curiosa lettera storica di Paolo Bernardo Calvo, chirurgo collegiato in Torino, in cui si descrive l’estrazione di un feto umano dall’ombilico. Torino, per Gio. Battista Valetta. Quivi il Fantoni è qualificato pubblico lettore nella Università di Torino e medico di S. A. il Principe di Carignano Amedeo di Savoia. Oltre varii preziosi manoscritti di lui, si hanno pure la Materia medica e le Osservazioni mediche del 1739, le quali, dice il Trompeo, si possono con vantaggio consultare, e i suoi trattati di medicina pratica. Il Cav. Trompeo riporta varie lettere del medico ducale G. B. al Duca di Savoia, e alcune memorie e lettere del prof. Giovanni, dal 1723 al 1745. Giovanni sposò una signora della Casa de’ Conti Vitale, che era sorella di monsignor Vescovo di Mondovì.

Estratto da Sulle famiglie nobil della monarchia Savoia, vol. 4, Torino, 1857, pg. 569.

Fantoni Giovanni. – Medico, nato a Torino il 22 marzo 1675, figlio di Giovanni Battista Fantoni (1652-1692), professore dell’università e medico del re di Sardegna, studiò a Torino e divenne professore d’anatomia nel 1697. Nell’anno 1717 venne nominato medico del re Carlo Emanuele, nel 1720 professore di medicina all’università e pochi anni dopo preside della Facoltà medica. S’occupò particolarmente di studî anatomici. La sua attività letteraria è molto vasta. Nel 1705 pubblicò De structura et motu durae membranae cerebri che fu considerata la sua opera più importante. Fra gli altri suoi lavori vanno citati le Observationes anatomicae (Torino 1701), la Anatomia corporis humani (Torino 1711), e il libro sull’Epidemia di febbre miliare (Torino 1747). Morì a Torino il 15 giugno 1758.

Estratto da http://www.treccani.it/enciclopedia/giovanni-fantoni_res-c44bbaf7-8bae-11dc-8e9d-0016357eee51_%28Enciclopedia-Italiana%29/

 

1741. PIETRO CORTONESI E CAJETANO PATROLI ROMANO

 

TABULAE ANATOMICAE A CELEBERRIMO PICTORE PETRO BERRETTINO CORTONESI, Delineatae, & egregiè aeri incisae, NUNC PRIMUM PRODEUNT, ET A CAJETANO PETRIOLI ROMANO Doctore, REGIS SARDINIAE Chirurgo, publico Anatomico, & inter Arcades ERASISTRATO COO, Notis illustratae. Impensis Fausti Amidei Bibliopolae in via Cursus, ROMAE, MDCCXLI. Ex Typographia Antonii de Rubeis apud Pantheon in via Seminarii Romani.